De Angelis e Simonelli si migliorano a Trieste

02 Agosto 2020

Ostacoli e asta con pb per i due laziali al Triveneto Meeting. Jacobs 10.10: al top in Europa. Randazzo a 5 cm dagli 8 metri. Falloni sfiora i 73 metri a Livorno

 

di Christian Diociaiuti

Laziali in evidenza a Trieste e a Livorno. Su tutti c’è il tempone di Marcell Jacobs nei 100 e il miglioramneto di Lorenzo Simonelli negli ostacoli. Bene anche Ivan de Angelis: PB all’aperto nell’asta. Falloni a Livorno sfiora i 73 metri.  

Iniziano da Trieste e dal Triveneto Meeting (RISULTATI) Prima 10.23 poi un 10.10 (+1.6) che il primo tempo europeo della stagione. Marcell Jacobs, sprinter delle Fiamme Oro che si allena a Roma con Paolo Camossi, è la copertina del tredicesimo Triveneto Meeting. “Sono abbastanza soddisfatto, pian piano miglioriamo - le parole del velocista - ogni volta cerco di fare meglio dei miei limiti, ma diamo tempo al tempo, mi conosco, so che ho bisogno di gareggiare parecchio per trovare la forma perfetta e la tecnica migliore, ma è certamente un 10.10 che mi dà positività. L’anno scorso, quando ho corso 10.10 qui, venivo già da due mesi e mezzo abbondanti di gare e avevo già testato la macchina.

Quest’anno posso dire di aver già fatto il miglior esordio di sempre con 10.21 a Rieti, poi il 10.14 di Savona, quindi la buona gara di oggi: sta andando tutto per il verso giusto”.

110hs e nuovo PB per Lorenzo Simonelli che, nella gara vinta dal britannico Andrew Pozzi 13.36 (+1.4) aggiusta il 14.35 (0.8) di qualche giorno fa a Rieti e scende a 14.18 (+1.4). Il ritorno in pista dopo l’infortunio è un continuo miglioramento per il 18enne dell’Esercito allenato alla Cecchignola da Claudia Pacini. 

Salti: C’è il 5,15 di Ivan De Angelis da quinto posto e da miglioramento personale: il 2001 delle Fiamme Gialle salta alla seconda chance 4,90, bene a 5,15 al primo colpo poi tre X a 5,25. Migliorato il personale outdoor di Foggia del 2018; saltando 5,25 avrebbe eguagliato il personale al coperto. Alessandro Sinno dimentica subito Trieste: tre X all’ingresso a 5,05. Sfiora gli otto metri Filippo Randazzo che, svestiti panni di velocista ben indossati a Rieti, trova un 7,95 che gli vale il successo (vento -0.2) al secondo salto.

Il siciliano di casa a Castelporziano, tuttavia, è a 10 centimetri dal PB indoor e a 17 da quello all’aperto. Triplo: quarto Samuele Cerro. Un 15,83 il miglior salto (con vento +0.7) per il frusinate allenato da Serhiy Derkach.

Al femminile c’è il 53.22 nei 400 di Raphaela Lukudo: l’azzurra dell’Esercito è più di un secondo sopra al PB ed è la seconda dopo la slovena Horvat (52.98). Un nono e un tredicesimo posto rispettivamente per Gaia Sabbatini (Fiamme Azzurre) e Martina Tozzi (Fiamme Gialle) negli 800: la prima gira in 2:05.65 Un secondo sopra al PB all’aperto), l’altra in 2:07.79. Settima nei 100hs la reatina dei Carabinieri, Giulia Latini. Per lei crono a 13.53 (+0.2) nella prima batteria. La migliore è Luminosa Bogliolo (Fiamme Azzure): 12.91 (+0.7).

LIVORNO -  A Livorno, in un meeting a tutto lanci, Simone Falloni torna sopra i 70 metri nel martell. Il romano allenato da Vizzoni al sesto lancio trova il 72,90 che gli permette di fare sua la gara. RISULTATI



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate