Marcia, chi va dal Lazio agli Europei a squadre

06 Maggio 2021

A Podebrady, vanno diversi atleti dalla nostra regione. Debutto in Nazionale U20 per lo junior delle Fiamme Gialle Simoni. Con lui da Palmisano a Stano, Becchetti, Fortunato, Agrusti e De Luca

 

I laziali della marcia a Podebrady il 16 maggio: ci sono gli Europei a squadre di marcia. Il Direttore tecnico delle squadre nazionali Antonio La Torre ha comunicato i 22 azzurri convocati (11 uomini e 11 donne) per l’evento in calendario domenica 16 maggio a Podebrady, in Repubblica Ceca.

Un evento cruciale verso Tokyo e le Olimpiadi (con le gare di marcia previste a Sapporo): della squadra fanno parte le punte azzurre Eleonora Giorgi (per la 35 km), Antonella Palmisano (20 km) e Massimo Stano (20 Km). Ma non solo. Tra i convocati c’è il pugliese di casa a Castelporziano Francesco Fortunato, portacolori delle Fiamme Gialle allenato da Riccardo Pisani: convocato per la 20 km. Nella 50 km, invece, figurano Andrea Agrusti (Fiamme Gialle) e Marco De Luca, entrambi delle Fiamme Gialle. E per la 10 km U20 ecco l’esordio in nazionale U20 per Filippo Antonio Capostagno, junior allenato da Orazio Romanzi che sulla distanza nel 2020, a Modena, ha fatto registrare un 44:47, che ha fatto bene a Ostia e a Caracalla nelle recenti uscite.

Al femminile vedremo nella 20 km la romana del Cus Cagliari Mariavittoria Becchetti che affianca le altre azzurre della specialità come Valentina Trapletti (Esercito) e la finanziera Antonella Palmisano. Proprio tornando ai primi atleti citati, è il debutto stagionale sulla 20 km per il bronzo mondiale di Londra 2017 ed europeo di Berlino 2018 Antonella Palmisano, che proprio a Podebrady ha trionfato in Coppa Europa quattro anni fa e nella stessa località ceca ha firmato lo standard olimpico vincendo il match internazionale in 1h28:40 nello scorso ottobre. Giorgi è la vincitrice in carica della 50 km in questa manifestazione (realizzò il record europeo di 4h04:50 ad Alytus nel 2019) e stavolta sarà impegnata nella 35 km, distanza su cui si è laureata campionessa italiana a Ostia nel mese di gennaio, in preparazione per la “venti” di Tokyo. Per il primatista italiano della 20 km Stano è il ritorno su questa distanza a quasi venti mesi dai Mondiali di Doha: in aprile ha rotto il ghiaccio con un primo test nei 10.000 su pista a Roma.


File allegati:
- LE CONVOCAZIONI


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate